Enjoy the green side of life

Living green&healthy: come affrontare il cambio di stagione

L’autunno finalmente è arrivato, lo stavamo aspettando e come ogni volta in cui una stagione finisce e una nuova prende il suo posto noi tutti sentiamo il bisogno di “rimetterci in forma”, di modificare alcune nostre abitudini  per tornare magari nel corretto peso forma, oppure per depurarci una volta rientrate alle consuete faccende che costellano la nostra quotidianità.

Affrontare i cambi di stagione sembra scontato e banale, ma invece è una questione davvero molto importante per preparare il nostro organismo, la nostra complessa macchina che troppo spesso stravolgiamo e trattiamo malissimo abusando di cibo, un eccesso i zuccheri e carboidrati, troppe proteine animali, così cercare di porre rimedio e prepararci sia psicologicamente che fisicamente alla nuova stagione che sta arrivando è davvero un passaggio fondamentale per imparare a volerci bene in modo consapevole.

A partire da oggi qui su The Green Pantry ogni settimana affronteremo insieme alla mia Naturopata di fiducia qualche suggerimento per affrontare e prepararci al cambio di stagione nel modo migliore possibile per poter beneficiare di tutto quello che la nuova stagione è in grado di donarci e come recepire quei benefici in toto.

Ogni post sarà accompagnato da una ricetta specifica che ho pensato e studiato appositamente per accompagnare gli insegnamenti e i consigli che la Naturopata ci dispenserà nel corso di questa rubrica speciale! Ho voluto condividere con tutte voi anche questo aspetto della mia vita per trasmettere oltre che le ricette green che normalmente posto qui nel blog anche una modalità di approccio alla vita diverso dal solito, ovvero un percorso che mi piacerebbe portare avanti con tutte voi, confrontandoci di volta in volta per sapere se i consigli e le indicazioni che andremo a fornire siano stati utili anche a voi per imparare ad ascoltare meglio e in modo più profondo il proprio organismo e capire come e in che modalità agire per tornare in equilibrio!

In questo primo appuntamento con la nuova rubrica affronteremo un tema molto importante ovvero il periodo DETOX che molto spesso viene consigliato per “tornare in forma”, in corsivo e in verde troverete i suggerimenti della Naturopata così che possano essere ben distinguibili dal resto del testo!

PERCHE’ E’ IMPORTANTE ESSERE PREPARATI AL CAMBIO DI STAGIONE

Secondo la Medicina Tradizione Cinese (MTC) la stagione al centro dell’anno è il passaggio tra una stagione e l’altra e la stagione fulcro è il passaggio dall’ estate all’ autunno per cui fine agosto-settembre, in cui domina l’elemento TERRA. In MTC  ci sono 5 movimenti o stagioni, oltre alle nostre 4 stagioni: Inverno-Acqua, primavera-Legno, estate-Fuoco, autunno-Metallo;  ne è stata aggiunta una, Tarda Estate retta dall’ elemento Terra che in origine  se immaginiamo una ruota era il fulcro centrale e le stagioni erano poste sulla parte  girevole esterna, successivamente venne data anche alla Terra una collocazione esterna e fu posta tra il Fuoco e il Metallo. 

Per completezza aggiungiamo che  per la MTC ogni periodo di passaggio fra le stagioni passa attraverso l’influenza dell’elemento Terra per alcuni giorni, in questi momenti sarà nostra cura portare l’attenzione a come abbiamo trascorso il periodo precedente e  quali aggiustamenti possiamo fare per affrontare il periodo successivo. 

La Terra  sovrintende il sostentamento, la conciliazione, l’armonizzazione e l’unione.

Il periodo in corso è quindi il momento di transizione più importante in cui occuparsi di riequilibrare il proprio organismo, finito il gran caldo estivo e non arrivato ancora il freddo ma solo il fresco. Affrontare al meglio l’autunno significa anche non ammalarsi agli inizi della stagione e allontanare la possibilità di  ammalarsi in inverno, seguendo l’adagio della MTC che ci dice di affrontare ogni stagione seguendo i ritmi corretti e le indicazioni proprie per ogni stagione, per arrivare al ciclo successivo in equilibrio, curandoci di tutti gli aspetti che interagiscono con il nostro organismo: fisico, psichico e spirituale.

Sempre la MTC ci dice che lo Shen o spirito, specifico della Terra,  riguarda Milza-Pancreas e il viscere collegato è lo stomaco. La Milza regge l’intelligenza e il Pancreas la saggezza, lo Stomaco essendo un viscere non ha un proprio Spirito,  ma possiede solo il Qi.

 Se la Milza è perturbata, sempre secondo la MTC,  altera la percezione gustativa  la capacità di discernere il gusto è deputato alla lingua.

Ecco che osservare la nostra lingua  diventa il punto d’inizio per capire la situazione del nostro apparato digerente. Molti di noi hanno sicuramente ricordi collegati a visite mediche o più semplicemente ad indagini in famiglia dove ci veniva chiesto “di far vedere la lingua”! Se si presenta rosea tutto va bene, ma se sono presenti patine di colori diversi allora potrebbe significare che alcuni organi sono da detossificare.

DETOX: COS’E’ E PERCHE’ E’ IMPORTANTE NEI CAMBI STAGIONALI

Detox è un termine inglese che vuol dire disintossicare, non necessariamente solo dal cibo come passato nell’ uso comune. Ci si potrebbe disintossicare anche dall’ alcol, dai farmaci, e anche da pensieri e sentimenti, o inquinamento ambientale.

Finita l’estate e rientrati nei ranghi ciascuno di noi   dovrebbe identificare da quale causa ci deve disintossicare,  stringiamo il campo alla Detox intesa come depurazione dagli alimenti.  

Il principio fondante della naturopatia è stimolare l’equilibrio energetico dell’organismo,  sostenerne il terreno identificando le sostanze che nuocciono alla salute e debilitano gli organi, attraverso la riconciliazione con le leggi della Natura. 

Le tossine sono sostanze che alterano l’equilibrio biochimico delle nostre cellule e quindi dell’organismo in generale; possono essere di origine endogena, che derivano dall’ interno, ed esogena, che derivano dall’ esterno. Ci interessano qui quelli di origine endogena: i prodotti di scarto legati al cibo e le emozioni.

DETOX E ALIMENTAZIONE: COME IMPOSTARE UNA CORRETTA ABITUDINE ALIMENTARE

Per ora restringiamo il campo ai cibi.  L’argomento è molto vasto, restiamo allo scopo di migliorare la salute dell’organismo e non focalizziamoci sul dimagrimento peraltro collegato spesso alla disintossicazione. Iniziamo  la giornata con una bella tazza di acqua calda e dopo mezz’ ora facciamo colazione.

Consumiamo verdura in  quantità molto abbondante  ad ogni pasto cotta e cruda tutti i giorni,  è importante che sia di stagione e possibilmente bio, mastichiamola molto lentamente. I meccanismi sottostanti il binomio verdure-salute sono moltissimi e articolatissimi. Ogni prodotto della Natura possiede elementi sinergici che si completano e  si rafforzano a vicenda, tutti gli elementi di un vegetale sono indispensabili per un’azione mirata ed efficace e agiscono solo in simbiosi, questo è il motivo per cui una pillola di vitamine non avrà mai la stessa efficacia del vegetale.  Abbiniamo alle verdure i cereali, anche questi possibilmente bio e integrali variandoli ogni giorno, oltre al grano che consumiamo in quantità eccessive tra pane-pizze-focacce-biscotti-crackers-fette biscottate ecc. ci sono anche:  avena,  farro, orzo, kamut e segale con glutine e miglio, mais e riso senza glutine.

Ora in commercio si trovano anche gli pseudocerali: quinoa, amaranto e grano saraceno, anche loro senza glutine.

Ogni cereale contiene costituenti diversi, ha proprietà energetiche diverse, è evidente quindi il motivo per diversificarli,  il nostro organismo ci ringrazierà perché introdurremo insieme a un buon assortimento di verdure i sali minerali, le vitamine e le fibre che ci sono indispensabili per una buona salute.

La ricetta di oggi è dedicata alla colazione, il pasto davvero più importante di tutta la giornata, quello in cui prepariamo il nostro organismo a ricevere la giusta carica di energia per affrontare il resto della giornata e soprattutto arrivare all’ora del pranzo, ovvero il pasto successivo, con il giusto appetito e senza avere una fame spasmodica che spesso ci fa compiere errori alimentari dettati dalla gola e non dalla vera sensazione della fame.

Ho scelto volutamente il Porridge di Avena come prima ricetta di questa rubrica per sdoganare questa preparazione che nell’immaginario comune resta sempre come una pappetta insapore e tristarella, quando invece è un portentoso modo per iniziare al meglio la giornata consumando le giuste calorie e senza avere un fastidioso picco glicemico che ci porterebbe a voler fare una seconda colazione al bar magari con una brioche di dubbia provenienza.

Porridge di avena

Il porridge di avena è un ottimo modo per iniziare la colazione al meglio, con la giusta dose di energia per affrontare la giornata.

  • 40 g fiocchi di avena bio
  • 1 tazza di latte vegetale a scelta ( avena, mandorla, riso, etc)
  • 1/2 tazza di acqua naturale
  • 1/2 cucchiaio di dolcificante naturale a scelta tra: sciroppo di acero, miele, sciroppo di agave, malto di riso
  • Frutta fresca a piacere di stagione e possibilmente bio
  • Semi di lino macinati al momento

Ponete i fiocchi di avena in un pentolino con il latte vegetale che avete scelto di utilizzare e l'acqua e portate dolcemente a bollore, fate cuocere fino a ottenere una sorta di crema, o fino a che i fiocchi di avena siano davvero molto morbidi.

Versate in una ciotola e aggiungete il dolcificante ( facoltativo) che avete scelto e la frutta fresca.

Consumate ancora caldo.

Come potete leggere negli ingredienti la scelta personale del latte vegetale da utilizzare ( io sconsiglio sempre quello vaccino) così come il dolcificante è ciò che permette di rendere il Porridge di Avena sempre diverso utilizzando di partenza pochi ingredienti; se utilizzate della frutta matura di stagione naturalmente dolce come le pere ad esempio potete aggiungerle direttamente in fase di cottura ed evitare di utilizzare un dolcificante seppur naturale successivamente, oppure potete arricchire il vostro porridge con un cucchiaio di burro di mandorle o di nocciole per renderlo ancora più cremoso e corroborante, questo è consigliabile in caso di attività fisica intensa da praticare dopo colazione.

Potete arricchire il vostro Porridge di Avena con uvette ammollate nel latte vegetale che andrete ad utilizzare per la cottura dei fiocchi; oppure del cocco grattugiato, della cannella o noce moscata per profumare la vostra colazione, una spolverata di cacao amaro in polvere (meglio se crudo) e guarnire la vostra ciotola di Porridge di Avena con semi di canapa decorticati, semi di zucca o girasole per una ulteriore carica sia proteica; è sempre preferibile preparare il porridge al mattino prima della colazione, ma se non avete tempo potete ottimizzare mettendo in ammollo i fiocchi di avena nella dose di latte vegetale e riporli in frigo durante la notte, così al mattino dovrete solo aggiungere la parte di acqua e farli cuocere per non più di 5 minuti invece che 15.

L’AVENA è un alimento adatto ai bambini in crescita, si raccomanda nei periodi di stanchezza  sia fisica che intellettuale. Contiene fosforo, calcio, magnesio e potassio; essendo riscaldante è adatta ai periodi freddi. In Fitoterapia la tintura di avena è usata per l’insonnia, ha azione di regolazione sul sistema neurovegetativo, sembra sia in grado di disintossicare dalla nicotina. L’AVENA è un cereale ricco di fibre e molto energetico, per questo è preferibile consumarlo proprio a colazione; inoltre è particolarmente ricco di antiossidanti e vitamine del gruppo B ed E, ferro magnesio e acido linoleico, tra tutti i cereali l’AVENA è povero di glutine ma molto proteico, pochi zuccheri e ha un bassissimo indice glicemico. Uno degli aspetti ideali nel consumo di AVENA durante un periodo DETOX è che gli oligosaccaridi contenuti in questo cereale favoriscono la crescita dei bifidobatteri che impediscono la proliferazione di tossine a carico del colon.

Un’altra ricetta ottima per la prima colazione e che potete preparare con anticipo sono gli Overnight Oatmeal, una specie di porridge veloce da tenere pronto in frigorifero: qui trovate il post che avevo scritto qualche mese fa con tre diverse proposte di Overnight, sempre a base di fiocchi di avena.

Ringrazio per la consulenza la Naturopata Enrica Villani che avrò il piacere di ospitare nuovamente in questa rubrica dedicata al benessere psicofisico anche le prossime settimane.

Per qualsiasi informazione potete scrivere a me: thegreenpantry2016(@)gmail.com e sarò lieta di mettervi in contatto con lei.

Enjoy the green side of life!



4 thoughts on “Living green&healthy: come affrontare il cambio di stagione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *