Estrattore di succo Micro Juicer di Philips-Recensione

Gli estratti di frutta e verdura rappresentano per l’alimentazione della mia famiglia non una moda passeggera, ma un vero e proprio capo saldo delle nostre giornate! L’estrattore di succo ci accompagna quotidianamente ed è un fedele alleato delle merende del mio bimbo, oltre che compagno di mille esperimenti quando voglio provare qualche nuovo abbinamento tra frutta e verdura; ho avuto occasione di testare personalmente il nuovissimo estrattore di succo a freddo di Philips: il MICRO JUICER, e ora vi racconto la mia esperienza con questo strepitoso slow juicer.

COS’E’ UN ESTRATTORE DI SUCCO

Partiamo dai fondamentali e cerchiamo di capire insieme che cosa sia un estrattore di succo a freddo: è uno strumento che permette, grazie alla sua coclea interna, ovvero una vite senza fine, di estrarre da frutta e verdura la polpa e succo separandoli dalle fibre.

Il punto di forza dell’estrattore di succo è proprio la capacità di ricavare tutto il succo possibile senza stressare gli ingredienti utilizzati, attraverso una lama, e questo permette di avere un prodotto finale di estrema qualità e che racchiude in sé Vitamine e micro nutrienti essenziali per il nostro organismo e il nostro benessere.

L’ESTRATTORE DI SUCCO MICRO JUICER DI PHILIPS

La novità presentata da Philips è davvero speciale perché grazie alla tecnologia MicroMasticating permette di estrarre fino al 90% in più di succo da qualsiasi tipo di frutto o verdura utilizzati: anche i frutti dalla polpa compatta e morbida come ad esempio banane, mango e avocado. Lo stesso accade per la verdura a foglia come spinaci e insalata. Questo è possibile perchè frutta e verdura sono costituite da migliaia di cellule che contengono tutte le più importanti sostanza nutritive e l’innovativa tecnologia MicroMasticating consente di aprire le cellule per estrarre il massimo dalla materia prima che viene utilizzata, senza sprechi.

Quando ho fatto la prova con il Micro Juicer di Philips ho scelto di utilizzare sia frutta abbastanza acquosa come la mela, che ortaggi duri come la carota e la barbabietola. Ho provato poi anche con un pezzo di banana e ho avuto la conferma di quanto vi ho riportato sopra: ho ottenuto il massimo del risultato e tutti gli scarti erano davvero molto asciutti, ciò vuol dire che questo innovativo slow juicer consente di avere un bicchiere di succo senza sprechi.

DESIGN E UTILIZZO DEL MICRO JUICER DI PHILIPS

Quando ho aperto la confezione che mi è stata recapitata ho capito che il nome Micro Juicer ben si adatta alle sue dimensioni che sono ristrette e davvero ottimali per chi come me di spazio in cucina non ne ha moltissimo e deve sempre riporre tutto negli armadietti, spesso stipandoli, oppure utilizzare gli strumenti e poi una volta puliti andare a portarli in garage fino all’utilizzo successivo con il rischio di non usarli tanto spesso!

Questo estrattore di succo compatto e funzionale invece adesso è in bella mostra su un ripiano della mia piccola cucina e questo mi agevola nel suo uso quotidiano, perchè essendo anche molto leggero e maneggiabile in poche mosse lo posso prendere, usare, pulire e riporre al suo posto! Sono felice di aver trovato finalmente un estrattore che abbia così tante peculiarità in contemporanea, non è scontato riuscire a coniugare praticità, dimensioni, estetica e funzionalità in un unico strumento: Philips invece ha creato un estrattore di succo che racchiude tutte queste preziose caratteristiche e che ovviamente permetta a tutti noi di poter avere sempre a portata di mano un aiuto concreto per prenderci cura anche della nostra salute, agevolando la possibilità di preparare davvero in pochissimi minuti un succo prezioso per il nostro benessere oltre che goloso da consumare quotidianamente.

Inoltre essendo anche di design moderno e accattivante è anche davvero bello poterlo avere sempre sott’occhio. Ho scoperto poi leggendo attentamente anche il libretto di istruzioni presente nella confezione che tutte le parti mobili dell’estrattore possono essere riposte all’interno del contenitore adibito alla raccolta degli scarti, così da garantire ancora meno ingombro rispetto ad un classico estrattore fornito delle due caraffe per la raccolta di succo e scarti.

L’ESTRATTO DI FRUTTA E VERDURA

Fino ad ora abbiamo parlato dell’estrattore di succo, ma altrettanto importante è capire cosa sono gli estratti di frutta e verdura e perché siano così importanti se consumati con costanza.

L’estratto di frutta e verdura, o estratto a freddo, è il succo ricavato dalla spremitura grazie ad uno slow juicer: il pregio di questo prodotto è che essendo stato pressato a freddo con movimento costante riesce a mantenere intatte le sue proprietà nutrizionali senza che la materia prima utilizzata venga in alcun modo stressata o tritata attraverso l’utilizzo delle lame. Il succo finale che otteniamo è puro, limpido e se consumato nei primi venti-trenta minuti riesce davvero a essere un tripudio di vitamine, sali minerali e micro nutrienti.

BENEFICI DEGLI ESTRATTI DI FRUTTA E VERDURA

Consumare abitualmente frutta e verdura anche sotto forma di estratti ci aiuta a migliorare il tono e il colore della nostra pelle contrastando quel fastidioso effetto “grigiastro” dovuto allo smog, all’alimentazione magari non sempre ottimale e alla vita frenetica soprattutto di città. Un altro importante beneficio è che gli estratti di frutta e verdura ci aiutano a integrare la quantità di liquidi che quotidianamente dovremmo introdurre nel nostro organismo, i famosi “due litri di acqua al giorno“, che spesso ci dimentichiamo di bere per pigrizia o semplicemente perché non siamo abituati. Io credo che sia fondamentale insegnare anche ai nostri bimbi a bere con costanza e molto durante il giorno, e proprio per questo motivo quando decido di preparare un estratto, lo faccio sempre coinvolgendo anche il mio bimbo che si diverte a inserire i pezzi di frutta o verdura all’interno dello slow juicer. In questo, modo oltre a rendere piacevole attraverso il gioco questo momento, lui beve molto più volentieri il succo che abbiamo preparato proprio perché vede il risultato del suo “lavoro” e sappiamo benissimo quanto questo sia importante per i bimbi: aiutare e emulare le attività di noi adulti e vedere concretamente ciò che hanno contribuito a preparare.

Le vitamine e i preziosissimi micro nutrienti contenuti in frutta e verdura aiutano il nostro corpo a mantenersi in forma, e gli estratti ci aiutano anche a consumare almeno una o due porzioni dei famosi “five a day” anche lontano dai pasti.

QUALE FRUTTA E VERDURA SCEGLIERE PER IL MICRO JUICER DI PHILIPS

Estrattore di succo Micro Juicer di Philips

Come vi ho spiegato sopra, grazie all’innovativa tecnologia MicroMasticating di questo estrattore della Philips, potete utilizzare davvero qualsiasi tipo di frutta dalla polpa compatta, acquosa o verdura sia fibrosa che a foglia, oppure anche frutta secca per estrarre il “latte” vegetale, come ad esempio il latte dalle mandorle! Per quanto riguarda la frutta secca (mandorle, noci, nocciole, anacardi etc) io consiglio sempre di mettere in ammollo almeno per una notte questi ingredienti, anche per “riattivarli” e permettere una spremitura più comoda senza sforzare in alcun modo lo strumento!

LA MIA ESPERIENZA CON IL MICRO JUICER DI PHILIPS

Credo che dal post che ho scritto si evinca già chiaramente che approvo in pieno questo estrattore di succo! Una delle cose che spesso incide nella nostra quotidianità è la mancanza di tempo, abbiamo sempre mille impegni e responsabilità, ma nonostante tutto vogliamo regalarci un momento da dedicare a noi stessi: il mio momento coccola è quando riesco a ritagliarmi cinque minuti per prepararmi un estratto e poterlo sorseggiare concentrandomi solo su di esso senza l’angoscia di dover impiegare troppo nella pulizia dell’estrattore! Il Micro Juicer di Philips mi permette proprio di concedermi i miei cinque minuti di relax in cui preparo e bevo il mio estratto e poi in meno di un minuto riesco a pulirlo e a riporlo al suo posto. E’ compatto, comodo, leggero, veloce da pulire: tutti aspetti che per me sono davvero fondamentali da considerare quando scelgo un compagno di avventure in cucina!

Philips ha pensato in maniera brillante all’aspetto igienico del Micro Juicer e infatti tutti i pezzi mobili dell’estrattore si smontano in meno di un minuto, si possono sciacquare sotto acqua corrente e si asciugano velocemente senza avere punti nascosti dove possano annidarsi residui fastidiosi. Un altro fattore pratico molto interessante è che non ci sono due brocche di raccolta, una per gli scarti e una per il succo estratto, ma nel Micro Juicer è presente solo quella di raccolta degli scarti che facilmente si estrae per essere svuotata, lavata e asciugata e poi riposta nel corpo macchina.

Il succo fuoriesce nel bicchiere posto sotto direttamente nel bicchiere posto sotto l’estrattore, il quale può essere azionato velocemente con un pulsante. Inoltre, grazie alla presenza del tappo antigoccia, una volta spento l’estrattore e in attesa di pulirlo, si può evitare di sporcare il ripiano sottostante.

Quando lo abbiamo utilizzato la prima volta insieme io e Tommy abbiamo voluto testare davvero tutte le funzioni, anche quella “reverse” ovvero la possibilità di far girare la coclea in senso contrario per andare a ripescare pezzi di frutta che erano rimasti momentaneamente non spremuti, così da sbloccarli e permettere di estrarre anche da questi tutto il succo presente! Vi lascio qui sotto il nostro estratto rosso super goloso e buonissimo!

Per quanto riguarda una valutazione meramente economica, posso dirvi che il Micro Juicer di Philips è davvero un ottimo investimento: potete acquistarlo direttamente su Amazon e iniziare a pensare a tanti golosi abbinamenti da preparare quando finalmente lo avrete tra le mani!

E’ un prodotto di alta qualità e per tutte le funzioni che è in grado di assolvere il rapporto qualità/prezzo è ottimale, tenendo conto dei materiali e della tecnologia che altri estrattori non presentano.

Estrattore di succo micro juicer di philips

Per due bicchieri

2 mele

3 carote

1 barbabietola

1 banana

1 cm di zenzero fresco

Pulite la frutta: sbucciate le mele ed eliminate il torsolo interno e tagliatele a spicchi; eliminate la buccia sia dalle carote che dalla barbabietola e tagliate anche questi ortaggi in listarelle (questo agevolerà l’inserimento della verdura nell’estrattore); eliminate la buccia dalla banana e tagliatela prima a metà in senso orizzontale e poi dividete ogni metà in altre due parti in senso verticale, sempre per agevolare l’inserimento nell’estrattore e ottenere un estratto davvero unico.

Eliminate la sottile corteccia dallo zenzero e affettatelo.

Procedete ora a inserire la frutta e la verdura nel Micro Juicer alternando i pezzi: inserite la mela poi la banana, poi la carota e poi la barbabietola e lo zenzero; procedete così fino a terminare gli ingredienti.

In questo modo riuscirete ad ottenere un succo perfetto: gli ingredienti hanno modo di amalgamarsi molto bene in fase di estrazione e il vostro succo avrà un gusto davvero speciale! La consistenza è leggermente compatta grazie alla polpa della banana, il colore rosso intenso è dovuto ovviamente alla barbabietola e accentuato anche dalla carota; una nota fresca e pungente è il tocco finale conferito dallo zenzero e dal suo intenso profumo! La mela aiuta, grazie alla sua presenza di acqua, a rendere l’estratto fluido e regala la sensazione dona una nota dolce all’ estratto.

Bevete subito! 

Che questa settimana sia frizzante e super healthy per tutte noi!

Enjoy the green side of life!



4 thoughts on “Estrattore di succo Micro Juicer di Philips-Recensione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *