Club Sandwich vegetariano

Nuovo appuntamento con “Il Club del Panino” insieme alla mia amica Laura de “La Schiscetta“: il tema di oggi sono i sandwich, ovvero quelli che noi chiamiamo tramezzini! I bagel della scorsa settimana vi sono piaciuti così tanto che ne sono super felice e spero che anche il club sandwich vegetariano di oggi sia di vostro gradimento.

club sandwich vegetariano

Leggi anche –> Bagel americani, la ricetta origina di New York

IL SANDWICH: LE ORIGINI STORICHE

Ma voi lo sapete quali siano le origini dei sandwich? Io ho fatto qualche ricerca spinta dalla mia innata e insaziabile curiosità e ho scoperto che

nel lontano ‘700 in Inghilterra, e precisamente nella città di Sandwich, il conte John Montague era solito pranzare velocemente intanto che lavorava al suo tavolo, così iniziò a chiedere al suo maggiordomo di preparargli dei pranzi pratici che gli consentissero di proseguire nelle sue faccende senza spostarsi in sala da pranzo, tanto che un giorno chiese che gli venisse portata della carne fra due fette di pane tostato e pare che quello sia stato il primo tramezzino originale mai preparato!

Curioso vero?!

Pensare alla fortuna che ha avuto quella bizzarra richiesta in un tempo in cui ogni pasto veniva consumato al tavolo con tutto il cerimoniale che ne conseguiva, oggi invece è molto più consueto pranzare proprio al volo con un panino in mano magari correndo verso un appuntamento di lavoro o un impegno che non ci permette di poter stare tranquilli e seduti in compagnia a godere in piena consapevolezza del nostro pasto.

COME REALIZZARE IL PANE IN CASSETTA: LA RICETTA

Come la scorsa settimana io e Laura abbiamo pensato di proporvi due alternative per realizzare i nostri panini: la mia è la versione classica che prevede la preparazione del PANE IN CASSETTA, secondo la ricetta tradizionale, e la sua invece è la versione “smart” più veloce ma non per questo meno prelibata!

pane in cassetta

 Foto 1 il pane in lievitazione. Foto 2 pane cotto con coperchio

Per realizzare il mio pane in cassetta o utilizzato le farine di Molino Grassi, in particolar modo la farina biologica di tipo 2 e la Multicereali che è una manitoba a base di riso, segale orzo e avena per avere un pane rustico e sostanzioso come base perfetta per un club sandwich davvero unico.

Pane in cassetta

La ricetta perfetta per realizzare il classico pane in cassetta da tramezzini

  • 600 g farina di forza
  • 300 ml latte vegetale (non zuccherato)
  • 60 g burro morbido a tocchetti
  • 10 g lievito di birra fresco
  • 10 g sale
  • 7 g zucchero

In planetaria con gancio per lievitati unite la farina con lo zucchero e il lievito sbriciolato, iniziate a versare il latte vegetale tiepido e fate incordare fino a che l'impasto si stacca bene dalle pareti (circa 5 min).

Aggiungete il burro un pezzetto alla volta facendolo incorporare bene all'impasto, e in ultimo anche il sale aggoungendolo in tre riprese.

Fate lavorare ancora 5 min.

Trasferite l'impasto in una ciotola e coprite con un telo pulito, fate riposare per 20', trascorso questo tempo prendete l'impasto e formate un cilindro da 8 cm di diametro e tagliatelo a fette (circa 5); imburrate leggermente lo stampo da pane in cassetta da 1,2 l e disponete le fette di impasto una accanto all'altra nello stampo, coprite con il telo e fate lievitare in forno con solo la luce accesa per almeno 1 ora o fino a che non triplichi di volume.

Trascorsa anche la seconda lievitazione accendete il forno a 200°, coprite lo stampo da pane in cassetta con il suo coperchio e fate cuocere per 45 minuti.

Estraete dal forno, aspettate un paio di minuti e poi aprite lo stampo, poggiate lo stampo su un lato e fate delicatamente fuori uscire il pane in cassetta, fate raffreddare completamente prima di consumarlo.

Lo stampo che si usa per preparare il pane in cassetta è dotato di un coperchio scorrevole che viene posto sull’impasto del pane poco prima di infornare, in questo modo durante la cottura in forno il pane non crescerà in altezza e resterà piatto così da poter poi essere tagliato a fette regolari. Il coperchio dello stampo è dotato di due fori dai quali esce l’umidità in fase di cottura.

Io ho acquistato il mio stampo su Amazon ( se cliccate nella foto sotto vi si apre la scheda con tutte le info) e ho scelto la dimensione media, ci sono diversi formati per cui valutate in base a quanto spesso e quanto pane preparate! Potete usare lo stampo anche per realizzare un pan brioche dolce, senza necessariamente usare il coperchio.

Realizzare un club sandwich completamente vegetariano può sembrare una distorsione pazzesca del classico panino di lusso americano, che prevede pollo e bacon, oltre a mayonnaise e fette di pomodori! Io ho scelto di farcirlo con tantissime verdure grigliate, insalata e qualche fetta di scamorza che aiuta a sostenere il profumo della griglia delle verdure e da corpo al panino stesso! Invece che accompagnarlo con la classiche patatine fritte in stick io ho usato delle patate al forno che avevo preparato la sera prima.

pane in cassetta

Un pranzo veloce ma completo, ricco di verdure sia cotte che crude che vanno a compensare anche la quota non indifferente dei carboidrati presenti in questo tramezzino.

Leggi anche –> No Knead Bread: pane senza impasto con lievito madre

club sandwich vegetariano

Ricordo ancora il primo club sandwich che ho mangiato: ero a Trieste in un localino in centro ed ero incinta di quattro mesi, ricordo che avevo davvero molta fame e non avevano proposte vegetariane in quel locale se non delle insalate care come il fuoco, noi non avevamo tempo di girare mille locali alla ricerca di qualcosa che potesse accontentare i gusti di tutti quanti così scorrendo il menù alla ricerca di qualche pietanza che potessi chiedere di rivisitare in chiave veg ho scelto proprio questo tramezzino, ho chiesto che mi venissero tolti bacon e pollo e che venisse messa magari una fetta di mozzarella al loro posto e mi hanno servito un club sandwich così buono che ancora spero di poterlo ritrovare in altri locali! Non so se poi abbiano davvero messo a menù la versione che ho suggerito loro come mi avevano detto che avrebbero fatto, onestamente non ho più indagato ma mi è capitato più volte di rifare questa versione a casa con del pane in cassetta biologico acquistato, ma in occasione della nostra piccola rubrica dedicata ai “Panini&Co” mi piaceva l’idea di realizzare anche il pane di partenza.

Club Sandwich vegetariano

Il Club sandwich più delizioso e vegetariano che possiate mai preparare!

  • 4 fette di pane in cassetta (vedi la ricetta qui sopra)
  • insalata novella a piacere
  • mayonnaise vegan (io ho usato Probios)
  • scamorza affumicata
  • verdure grigliate a piacere (zucchine, melanzane, peperoni o un mix)
  • avocado a fette
  • Per servire:
  • patate al forno o insalata

Tostate le fette di pane in cassetta, spalmatele leggermente di mayonnaise, farcite procedendo a strati con le fette di scamorza affumicata leggermente scaldata in modo che diventi filante e le verdure.

Inserite gli stecchi e tagliate le fette di pane a metà così da ottenere i vostri triangoli ordinati, servite con le patate in forno e l'insalata fresca.

 

club sandwich vegetariano

Io sono un’amante della buona birra artigianale made in Italy, in abbinamento a questo club sandwich vegetariano ho scelto una Punks do it Bitter del Birrificio Elav di Bergamo, tutte le loro birre sono davvero particolari, io mi innamorata in particolar modo della loro Grounge Ipa perchè amo il sapore amaro di questo luppolo, ma da abbinare al tramezzino per non sovrastare eccessivamente la delicatezza delle verdure che lo compongono ho preferito puntare su una Bitter che ben si sposa con questa proposta vegetariana.

Io e Laura vi aspettiamo la prossima settimana con una nuova proposta dedicata ai “Panini&CO”, seguiteci e se preparate una delle nostre ricette taggateci nei social @gaia_thegreenpantry e @laschiscetta e usando l’#ilclubdelpanino o #thegreenpantry

Enjoy the green side of life!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *