Chia pudding ai mirtilli e cocco

Chia Pudding: una colazione sana ed equilibrata perfetta dopo una sessione di attività fisica intensa e soprattutto ora che siamo nel pieno dell’estate servono delle fresche alternative per iniziare le nostre giornate con un pieno di energia.

chia pudding

Se mi seguite su instagram saprete che ho iniziato da pochissimo a correre e oggi voglio raccontarvi perchè ho fatto questa scelta: i motivi sono davvero pochi e molto molto semplici e la soddisfazione che provo ogni volta che finisco un allenamento è altissima e mi sento sempre più motivata ad andare avanti su questa strada.

PERCHE’ PRATICARE ATTIVITA’ FISICA FA BENE?

benefici della corsa

La corsa nella mia testa non è mai stata uno sport che avrei preso in considerazione, ma poi ho pensato di poter dare una possibilità a me stessa e a questa attività così ho scaricato una app, la più famosa che c’è in circolazione e ho impostato il mio obiettivo da raggiungere in cinque settimane: correre per 50 minuti di fila. Per chi corre normalmente può sembrare un’inezia ma per chi come me invece non ha mai corso in tutta la sua vita è un obiettivo che all’inizio sembra davvero lontanissimo, poi mano a mano che batti i piedi in pista capisci che in fondo ce la puoi fare!

Dopo aver scaricato la app e impostato il mio piano di allenamento ho semplicemente iniziato: tre volte alla settimana al mattino presto esco di casa e vado nella pista che abbiamo in paese, mi metto le cuffiette nelle orecchie e premo il tasto “run” della app e vado!

Il mio allenamento prevede delle ripetizioni di corsa alternate a camminata sostenuta e questo aiuta ad aumentare il metabolismo e soprattutto mi permette di non stramazzare al suolo. Uno dei motivi che mi ha spinto a iniziare a correre è stata la ricerca di energia: si esatto avete letto bene, la ricerca di energia! Praticare attività sportiva con costanza aiuta a ritrovare uno stato di benessere psicofisico davvero fondamentale, e io mi sentivo sempre spossata e a terra nonostante fossi abbastanza in forma e avendo uno stile di vita sano e attento; sentivo però che non stavo bene, mi sentivo spenta e guardandomi non mi riconoscevo nemmeno nel mio fisico che in questi ultimi anni ha decisamente perso tono muscolare.

Leggi anche -> I 9 benefici dell’attività fisica

Fare attività fisica aiuta il tuo organismo a trasportare ossigeno e nutrienti ai tuoi tessuti e aiuta il tuo sistema cardiovascolare a lavorare più efficacemente. E quando il tuo cuore e i tuoi polmoni lavorano più efficacemente avrai anche più energia per svolgere i tuoi lavori giornalieri.

Ora vi spiego anche perchè ho dedicato così tanto spazio a questa introduzione sull’inizio della mia corsa, non perchè voglia convincere anche voi a praticare questo sport, ma perchè credo che attraverso la condivisione della mia esperienza magari possiate trovare la giusta motivazione per scegliere lo sport che più sia in linea con la vostra predisposizione e iniziare a praticarlo con costanza e la giusta dose di entusiasmo.

running quotes

Sport e alimentazione sappiamo benissimo quanto siano legati: praticare sport, qualunque esso sia e continuare ad avere uno stile di vita poco attento soprattutto dal punto di vista alimentare non aiuterà certamente a farci raggiungere i risultati e gli obiettivi che ci siamo prefissi; non nego che tra tutto quello che mi ha spinta a correre ci fosse anche la voglia di togliermi letteralmente di dosso gli ultimi tre kg che ancora mi porto appresso dal post gravidanza e che per pigrizia non ho mai seriamente pensato di eliminare, in fondo sono tre kg, che vuoi metterci a perderli? e alla fine sono passati due anni e mezzo e quei tre kg sono ancora attaccati a me.

MA QUANDO SI PRATICA SPORT CHE TIPO DI ALIMENTAZIONE DEVO SEGUIRE?

Cosa vuol dire abbinare lo sport ad una giusta alimentazione? Vuol dire creare una serie di piatti, meglio unici, che ci permettano di avere tutti i macro nutrienti a disposizione per poter ottenere i risultati e gli obiettivi che ci siamo prefissi nell’arco di tempo imposto per raggiungerli.

Non sempre si pratica sport con il solo e unico obiettivo di dimagrire: la perdita di peso può essere anche solo una naturale conseguenza dovuta all’attività fisica praticata con costanza per un breve-lungo periodo. Oltre alla perdita di peso c’è anche la modifica della propria massa grassa che si trasforma in massa magra, per cui perdiamo il famoso adipe per beneficiare di un aumento del tono muscolare; molto spesso ad un iniziale dimagrimento può anche conseguire un nuovo aumento di peso che però è dovuto proprio alla trasformazione della massa da grassa a magra e quindi ad un aumento dei muscoli: solitamente è un cambiamento anche visivo abbastanza palese.

QUALI TIPI DI ALIMENTI CONSUMARE QUANDO SI PRATICA SPORT?

Le scelte alimentari non si discostano di molto da quelle che dovremmo praticare quotidianamente per mantenere uno stile di vita sano: proteine, carboidrati e anche grassi sono sempre alla base della nostra alimentazione abbinati da fibre e vitamine per cui al consumo di frutta e verdura che non devono mai mancare sulle nostre tavole.

Non serve mangiare una mucca intera per avere muscoli forti, questo è decisamente un falso mito! Le proteine come ben sappiamo le possiamo trovare in grande quantità anche nel mondo vegetale e abbinandole ai cereali integrali possiamo creare dei meravigliosi piatti unici che contengono tutti gli amminoaici essenziali che ci servono proprio per la creazione di nuove cellule nel tessuto muscolare.

Leggi anche -> Proteine vegetali, cosa sono e dove trovarle

Se l’attività fisica, come nel mio caso, avviene al mattino la colazione deve essere consumata circa un paio di ore prima e deve essere leggera e ben digeribile; c’è anche chi riesce a praticare la corsa o il nuoto in semi digiuno, ovvero mangiando molto poco prima e preferendo una colazione dopo l’attività sportiva e in questo caso sarà necessario che il pasto consumato sia sempre ben digeribile e non appesantisca l’organismo che è già stato attivato dall’attività fisica in sé.

Ho chiesto supporto alla dietista Elena Mazzetto per avere un suo parare proprio per quanto riguarda la prima colazione, come e quando consumarla e le sue indicazioni in linea generale sono le seguenti:

Le variabili da considerare sono fondamentalmente due:

  1. Quanto durerà la corsa in termini di tempo
  2. Quanto tempo passa tra la sveglia e la corsa

Vediamo adesso i consigli di Elena per quanto riguarda la colazione:

Se l’attività supera i 40 minuti ed è sostenuta allora sarà il caso di consumare prima di andare a correre un succo di frutta, o un caffè leggermente dolcificato o due cucchiaini di confettura o miele

Se l’attività al contrario è inferiore ai 30 minuti non sarà necessario consumare nulla prima di praticarla in quanto il nostro organismo ha ancora abbastanza riserve per poterla affrontare al meglio

In entrambi i casi, parliamo di attività svolta appena svegli, è consigliabile idratarsi bene prima di uscire e correre con almeno un paio di bicchieri di acqua.

In caso invece si scelga di fare attività a distanza dal risveglio da 30′ e fino ad un’ora:

E’ indicato consumare la prima colazione con 1 o 2 fette biscottate e della confettura, un succo di frutta (evviva gli estratti che sono frutta al 100% e pieni di vitamine, al contrario dei succhi industriali ottenuti molto spesso da polpa a cui viene aggiunta acqua)

Leggi anche -> Mantenersi in forma con gli estratti

Una colazione più completa è da consumare se l’attività viene poi svolta a distanza di un paio di ore dal risveglio, quindi alle indicazioni riportate qui sopra si possono aggiungere anche due albumi o uno yogurt intero (non zuccherato) che sia vaccino o di soya o anche uno yogurt greco più compatto e proteico rispetto a quelli tradizionali.

Il porridge di avena o un overnight oatmeal possono essere valide proposte per una colazione completa a cui abbinare un succo di frutta o una tisana o una tazza di caffè.

chia pudding

Un’altra meravigliosa proposta per una colazione post workout davvero completa e piena di energia è il CHIA PUDDING, ovvero una specie di budino che grazie alle proprietà della chia di assorbire i liquidi in cui viene fatta riposare permette di avere la consistenza finale che richiama appunto quella di un budino tradizionale.

La versione che vi propongo oggi è 100% vegana e senza glutine, quindi perfetta davvero per tutte coloro che vogliono provare una colazione diversa dal solito senza però rinunciare al gusto e alla leggerezza: gli strati che compongono questo budino vegan sono tre: il pudding di semi di chia e latte di mandorle che ho preparato con il mio estrattore, yogurt di soya frullato con una manciata di mirtilli freschi e infine tantissima frutta fresca di stagione, nel mio caso mela golden e albicocche con una spolverata finale di cocco grattugiato che io in estate adoro alla follia.

chia pudding

Le dosi sono davvero indicative perchè la maggior parte degli ingredienti li potete combinare in base al vostro gusto personale aggiungendo o togliendo dopo aver fatto qualche prova per stabilire cosa vi piaccia più di altro!

Ingredienti per due pudding:

4 cucchiai di semi di chia

2 tazze di latte di mandorla senza zucchero (o altra bevanda vegetale di vostro gusto)

150 g yogurt greco intero (o yogurt di soya)

125 g mirtilli freschi

1 cucchiaio di sciroppo di acero (o miele)

frutta fresca a decorazione

In una ciotola mettete a riposare per 15′ la chia con il latte di mandorla, quando inizia ad assorbire il liquido aggiungete lo sciroppo di acero e poi trasferite nei due bicchieri o vasetti che avete preparato.

Frullate lo yogurt con i mirtilli freschi lavati e trasferite dividendolo nei due bicchieri sopra la chia.

Dividete nei due bicchieri anche la frutta fresca che avete scelto e spolverate con del cocco.

Conservate in frigorifero per una notte e consumate al mattino successivo.

Vi aspetto nei miei canali social per la condivisione dei consigli alimentari della dietista Elena Mazzetto che ogni venerdì mi accompagna alla scoperta di nuovi alimenti funzionali alla corsa e all’attività fisica.

Seguiteci su instagram: @gaia_thegreenpantry e @elenamazzetto.dietista e per restare sempre aggiornate cercate #corsa4dummies 

Enjoy the green side of life!



3 thoughts on “Chia pudding ai mirtilli e cocco”

  • Posso dire wow? Condivido tutto ciò che hai detto sulla corsa. Ero abituata a farla tre volte a settimana per circa 40 minuti no stop. Poi mi è peggiorata l’asma ed ho subito smesso per problemi respiratori. Devo assolutamente questa golosa colazione! Grazie

  • Io non avendo mai corso sono arrivata con allenamenti crescenti a correre 25 minuti di fila e mi basta. Gli ultimi tre mesi però ho smesso ma a settembre riprenderò di sicuro anche se non è un’attività che mi piace molto, preferisco fare trekking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *