Pasta Fredda Vegan

Dalla scorsa estate è cambiata la nostra modalità di vacanza: da quando abbiamo Tommy invece che progettare vacanze all’ultimo momento e che fossero anche abbastanza spartane abbiamo scelto di avere qualche confort in più per rispettare i tempi del bimbo e non cambiare completamente tutte le sue abitudini per magari pochi giorni.

Lo scorso anno siamo andati in Trentino e abbiamo prenotato un piccolo appartamento in un residence davvero molto carino e molto confortevole, vicino a Malles zona stupenda che è riuscita a rapire anche il mio cuore di non amante della montagna! Se fossimo stati solo noi due le nostre giornate sarebbero state di grandi camminate su per i sentieri in mezzo ai boschi con uno zaino in spalla, due panini acqua e giusto due spicci in tasca che-non-si-sa-mai, doccia veloce al rientro e fuori di nuovo per un aperitivo o una cena in qualche ristorantino! Con Tommy invece abbiamo gironzolato per sentieri più facili con lui nel marsupio sulla schiena, pause su prati con erba morbida per farlo dormire beato sotto gli alberi e cene semplici a casa, tranne una sera in cui ci siamo regalati una cena fuori in piena linea con gli orari austriaci ovvero presentandoci verso le 19 così da essere di nuovo a casa per far dormire il piccolo al suo orario!

Quest’anno stando all’Elba per due settimane abbiamo scelto una casetta davvero molto comoda a due passi due dalla spiaggia e quindi con la possibilità di rispettare i tempi di Tommy che ancora si fa lunghe nanne al pomeriggio e preferisce pranzare a casa — no rettifico, sono io che preferisco farlo pranzare a casa, visto che di suo non è un gran mangione e a tavola non mi rende la vita facilissima evito di pranzare fuori casa troppo spesso così da non dover diventare matta a indovinare nei menù cosa potrebbe voler mangiare e cosa no!

Perché vi ho raccontato tutte queste cose che appartengono alla nostra sfera più quotidiana? Semplicemente perché quando sono partita da casa per venire qui all’Elba ho preparato una sola borsa con due costumi per me e qualche cambio per Tommy e uno scatolone di generi alimentari che potessero andar bene per le nostre due settimane: ho praticamente vuotato la dispensa che ho a casa portandomi via tutti i mezzi pacchetti di cereali che avevo aperti così da non doverne comprare troppo nuovi una volta sbarcati e avere l’occasione di finirli senza il timore di trovarli pieni di farfalline una volta rientrata a casa! Ovviamente ho scelto cereali e legumi “zero sbatta”, con tempi di cottura veloci o anche già pronti ( es i legumi: quelli secchi sono sicuramente migliori, ma in vacanza l’ultimo mio pensiero è di far cuocere per un’ora e mezza ceci o fagioli vari!)

Pasta Fredda vegan

Un’insalata di pasta senza latticini e proteine animali, perfetta per un pranzo estivo leggero ed equilibrato!

  • 130 g pasta di riso integrale
  • 10 pomodorini rossi
  • 10 pomodorini gialli
  • 1 mazzetto di prezzemolo ( o mix di erbe fresche: prezzomolo, menta, basilico)
  • 120 g ceci cotti
  • Sale e olio extravergine di oliva

Se utilizzate i ceci secchi metteteli in ammollo tutta la notte, scolateli molto bene e poi cuoceteli per il tempo indicato sulla confezione, o in pentola a pressione per la metà del tempo.

Se utilizzate i ceci precotti in barattolo, scolateli dal liquido di conservazione e sciacquateli bene sotto acqua fredda, teneteli da parte.

Fate cuocere la pasta di riso integrale per il tempo indicato sulla confezione e nel frattempo lavate i pomodorini, tagliateli in dadolata e disponeteli in una capiente terrina; unite ai pomodorini anche i ceci.

Tritate finemente a coltello il prezzemolo o il mix di erbe e unitelo nella terrina.

Scolate la pasta al dente e unite anche questa agli ingredienti precedenti, condite il tutto con sale e olio e a piacere con poco succo di limone. Servite subito oppure conservatela in frigo coperta da pellicola per il giorno successivo.

La pasta fredda in versione vegan è stata uno dei nostri pranzi meglio riusciti, assemblata con quanto avevo a disposizione e aggiungendo come ingredienti freschi i pomodorini e un mazzetto di prezzemolo, insomma un’altra ricetta “buona la prima”, ovvero di quelle che fatte anche un po’ a caso riescono molto bene e ti fanno venire voglia di riproporle subito nei giorni seguenti!

Questa ricetta è davvero #easyandveggie, un ottimo piatto unico ben bilanciato poiché racchiude le proteine vegetali dei ceci che in abbinamento ai carboidrati della pasta di riso forniscono la combinazione giusta per avere energia e creare la sintesi proteica tanto importante al nostro organismo! Scegliere un’alimentazione che preveda di non consumare carne sembra sempre molto complicato, soprattutto quando si è in vacanza e si pensa che in spiaggia ci si debba nutrire solo di panini ( che al 90% delle volte sono preparati con insaccati + formaggi, una combinazione già scorretta perchè sarebbe sempre bene evitare di mescolare due o più tipi di proteine animali in un solo pasto ), ma invece non è così difficile, basta essere organizzati e decidere di lasciar perdere il panino o la focaccia imbottita e fare spazio ad una piccola borsa frigo nella quale inserire un contenitore a chiusura ermetica con una buona insalata di pasta come questa che vi propongo oggi, oppure un’insalata di riso o di altro cereale a propria scelta sempre abbinandolo a dei legumi e delle verdure. La digestione non verrà appesantita da una quantità di grassi eccessiva. Per questo Meat Free Monday ho volutamente scelto una combinazione alimentare che fosse velocissima e facile così che possa essere portata in spiaggia o nello zaino per un pic nic in montagna senza troppa fatica!

I ceci, vengono chiamati “la carne dei poveri”, sono ricchi di vitamine del gruppo B e folato, inoltre essendo carichi in fibre aiutano a regolarizzare le funzioni intestinali; anche i ceci come i semi di canapa contengono una buona quantità di Omega 3 che come ormai sappiamo benissimo aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo (LDL) e aumentano il livello di quello buono (HDL), per cui sono consigliabili per le persone che devono tenere sotto controllo la pressione arteriosa.

 

Vi lascio già qualche piccola variante:

Pasta di mais e riso ( ho trovato ottima la Rummo, tiene bene la cottura e non si sfalda)

Pasta di grano saraceno, o pasta di riso e lupini ( di Bio In, si trova da NaturaSì)

Pomodorini, olive, taggiasche e basilico violetto al posto del prezzemolo

Pomodorini, zucchine trifolate e menta + (feta) o tofu grigliato (al posto dei ceci)

Se provate questa ricetta o una delle varianti che vi ho proposto e scattate una foto condividetela nei social con l’# ufficiale #thegreenpantry e #easyandveggie così posso rintracciare anche i vostri scatti!

Enjoy the green side of life!



1 thought on “Pasta Fredda Vegan”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.