Pan Tramvai: una Ricetta della Tradizione Milanese

Negli anni ’50 del secolo scorso i pendolari che dalla provincia, in particolare dalla zona di Monza, dovevano raggiungere Milano per lavoro erano soliti portarsi uno spuntino ricco per il viaggio che poteva durare a lungo. Uno degli spuntini più consumati era il Pan Tramvai questo pane ricco di uvetta che conferisce una dolcezza naturale e che regala anche molte calorie, ma i pendolari erano per lo più operai e persone che facevano lavori pesanti e di conseguenza avevano bisogno di un apporto calorico maggiore.

Il Pan Tramvai ha la forma a bastoncino e ha preso piede nel dopo guerra alle fermate dei tram soprattutto per i pendolari, le fette erano date anche come resto quando non si avevano monete a sufficienza e poi piano piano è stato sostituito da altre tipologie di spuntini e ora quasi non si trova più in commercio se non in pochi panifici.

Mi piace andare alla scoperta delle ricette tipiche della mia zona, io sono originaria della provincia di Milano, mio padre era milanese autentico, e poi mi sono trasferita nella verde Brianza, poco più a nord di Milano e appena sotto Lecco, una zona che ho imparato ad amare tantissimo grazie ai suoi boschi e al suo verde che non mi fanno di certo sentire la mancanza della città.

Qui in Brianza ci sono ancora diversi panifici che preparano il Pan Tramvai, soprattutto su ordinazione, e io spesso lo acquisto perchè adoro le uvette e un paio di fette di questo pane a colazione per me sono davvero il massimo.

Ho provato a replicarlo a casa e sono molto contenta del risultato, è davvero facile e veloce, l’unica regola che c’è è abbondare con le uvette.

Pan Tramvai: la ricetta tradizionale brianzola

  • 400 g farina 0
  • 50 g burro a temp ambiente
  • 250 g uvetta ammollata e strizzata
  • 8 g lievito di birra fresco
  • acqua qb
  • sale

In planetaria riunisci la farina con il lievito sbriciolato, aggiungi l'acqua poco per volta fino a che l'impasto sia incordato, in ultimo aggiungi l'uvetta ben strizzata e infarinata e il burro a tocchetti, un pezzettino per volta. In ultimo il sale.

Lavora per 5' e poi trasferisci in una ciotola unta e fai raddoppiare di volume.

Trascorso il tempo del raddoppio, forma un filone o due e fai lievitare su una placca da forno rivestita di carta apposita per 20'.

Cuoci in forno caldo a 190° per 25'-30' o fino a che sia ben dorato.

Estrai e fai raffreddare prima di affettarlo.

Si conserva per un massimo di 5 giorni in un sacchetto da pane.

LEGGI ANCHE -> PANE RICCO CON UVETTA NOCI E FICHI

LEGGI ANCHE -> PANE A LIEVITAZIONE NATURALE CON OKARA DI MANDORLE

LEGGI ANCHE -> PAN BRIOCHE TRICOLORE

LEGGI ANCHE -> BRIOCHE INTEGRALI AL FARRO E MIELE

Se questa ricetta ti ha incuriosita, provala e se la condividi nei tuoi social ricordati di taggarmi @gaia_thegreenpantry sarò felice di vedere i tuoi scatti e ringraziarti per aver scelto una mia ricetta.

Enjoy The Green Side of Life!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *