Come pulire, cucinare e conservare gli spinaci freschi

Il verde brillante della primavera che arriva dirompente anche sulle nostre tavole è sempre una gioia per gli occhi e il palato. Io aspetto ogni anno questa stagione con trepidazione per poter gustare alcuni dei miei ortaggi preferiti in assoluto, tra cui anche gli spinaci!

La mia ricetta passepartout per cucinarli è quella degli spinaci in padella ripassati con olio e aglio: si prepara in due minuti netti ed è un salvacena veloce e pratico.

In questo post ti svelo i miei trucchetti per pulire al meglio gli spinaci, cucinarli e averli pronti per diversi utilizzi.

COME PULIRE, CUCINARE E CONSERVARE GLI SPINACI FRESCHI

Dimentichiamo per un attimo la comodità di acquistare una busta di spinaci surgelati al supermercato e lasciamo nel banco frigo le buste di quelli “già lavai” che in realtà sono poche foglie, spesso avvizzite, e tanti gambi.

Concentriamoci dunque sugli spinaci freschi che possiamo acquistare al mercato, nelle aziende agricole e adesso molto spesso anche online grazie a quei servizi di spesa a domicilio che hanno facilitato l’esistenza a tantissime persone.

Io acquisto spesso una cassetta intera di spinaci da 1,5-2kg e quando lo faccio so che quel giorno dovrò dedicarmi alla loro pulizia e a cucinarli per averli poi pronti all’uso nei giorni seguenti: come sempre la parola chiave è organizzazione che non vuol dire schiavitù, ma solo sapere che quel giorno una parte del nostro tempo sarà da dedicare a questi ortaggi.

Quando torno a casa dalla mia azienda agricola di fiducia con le mie cassette di frutta e verdura la prima operazione che svolgo è la divisione degli ortaggi: metto da parte quelli che possono durare a lungo (esempio le patate) da quelli che invece devono essere consumati in poco tempo (coste, biete, spinaci, insalata, zucchine etc) così so già anche come organizzare i nostri contorni per pranzi e cene.

COME PULISCO GLI SPINACI

Per prima cosa elimino il fondo, senza togliere i gambi a meno che non siano eccessivamente lunghi e duri ma onestamente acquistandoli freschissimi non capita mai.

A questo punto passo alla pulizia sotto l’acqua: li immergo nel lavabo pieno di acqua fresca e li lascio a bagno qualche minuto, poi li scolo e li sciacquo bene per eliminare la terra che potrebbero ancora avere sulle foglie.

Dopo questa operazione sono pronta per cuocere i miei spinaci puliti, ma se sono davvero tanti e non ho tempo di cuocerli tutti ne metto una parte in un contenitore a chiusura ermetica in frigo dove si conservano così per almeno 2 giorni.

GUARDA IL VIDEO – COME PULISCO E CUCINO GLI SPINACI

COME CUCINO GLI SPINACI UNA VOLTA PULITI

Dopo averli lavati e scolati dall’acqua in eccesso faccio asciugare gli spinaci in più riprese in una padella dal fondo largo senza aggiungere nulla, li copro con il coperchio e li lascio andare per un paio di minuti mescolandoli.

In questo modo perderanno parte della loro acqua di vegetazione e si ridurranno di molto come volume, li trasferisco in una ciotola e proseguo questa cottura fino a terminare la verdura.

Quando tutti gli spinaci sono cotti, se sono molti li suddivido in due parti:

  1. Una parte  la metto in un contenitore tipo tupperware senza condimenti e la conservo in frigo per altre preparazioni (puoi trovare degli esempi qui sotto)
  2. L’altra parte la ripasso in padella con olio e aglio e la uso quella sera stessa, o il giorno successivo come contorno.

COME CONSERVO GLI SPINACI

Essendo foglie verdi anche gli spinaci come le biete, erbette e coste o anche la normale insalata hanno una vita relativamente breve e vale la pena utilizzarli al volo appena raccolti o acquistati.

La parte della pulizia è importante per evitare residui di terra e ristagni di acqua e dopo aver terminato questa operazione, puoi scegliere di conservare in frigo una parte di spinaci puliti ma ancora da cuocere per un massimo di 2-3 giorni in un contenitore a chiusura ermetica.

Gli spinaci cotti si mantengono in frigo per 2-3 giorni sempre in un contenitore a chiusura ermetica, oppure ben strizzati dalla loro acqua di vegetazione li puoi porzionare in cubetti e conservare in freezer come se fossero quelli acquistati al banco del supermercato.

In questo ultimo caso, ovvero surgelati, si conserveranno negli appositi sacchetti gelo per 1-2 mesi: quando utilizzi prodotti congelati ricordati la regola aurea:

NON SI SCONGELA MAI A TEMPERATURA AMBIENTE:

questo può aumentare notevolmente la carica batterica degli alimenti, causare muffe e soprattutto intossicazioni alimentari.

Puoi scongelare i tuoi alimenti in frigorifero (magari durante la notte se ne hai bisogno il giorno successivo, oppure dal mattino per la sera), oppure scaldare/cuocere i tuoi alimenti direttamente da surgelati aumentando i tempi rispetto agli alimenti freschi.

RICETTE FACILISSIME CON GLI SPINACI

Ho selezionato alcune delle mie ricette preferite con gli spinaci, tutte facilissime e adatte a tutta la famiglia

CONCHIGLIONI CON RICOTTA E SPINACI AL FORNO

FALAFEL DI CECI E SPINACI

CURRY VEGANO DI CECI, SPINACI E BASMATI

GNOCCHI DI PATATE AGLI SPINACI

POLPETTE DI PATATE E SPINACI

 

CLICCA QUI PER SCARICARE IL PLANNER DI APRILE

Qui invece puoi cliccare con il tasto destro del tuo mouse e scaricare la grafica per il tuo cellulare realizzata da Clementina.

LINK (AFFILIATI) PER GLI ACQUISTI

<

ENJOY THE GREEN SIDE OF LIFE!



2 thoughts on “Come pulire, cucinare e conservare gli spinaci freschi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *